Questo sito utilizza cookie per fornirti un'esperienza migliore. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

×
 x 

Carrello vuoto
Shopping cartCarrello vuoto

BENVENUTO NEL BLOG FLUIDMEC

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità di prodotto, istruzioni per l'uso, materiali, normative e molto altro.

Contaminazione e filtrazione, ci pensa Fluidmec School

Contaminazione e filtrazione, ci pensa Fluidmec School

Cari amici dell'oleodinamica, conoscete oramai tutti Fluidmec School, il programma di formazione dedicato ai professionisti del nostro mondo per condividere tutto il nostro know-how maturato in anni di esperienza.

Oggi ci dedichiamo alla contaminazione degli impianti e alla filtrazione, lezione possibile grazie al nostro Premium Partner IKRON, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di filtri per l'oleodinamica... siete pronti?! Iniziamo. 

 Il 70% delle volte che avviene una contaminazione di fluido in un sistema di oleodinamica, si crea un guasto.

Ma che tipo di contaminazione può avvenire?

  • Solida, dove le particelle solide contaminano un fluido idraulico. Questa situazione si verifica nelle seguenti occasioni: costruzione dei componenti e assemblaggio, esercizio dell'impianto, operazioni di manutenzione;
  • Liquida, la più frequente contaminazione è rappresentata dall'acqua;
  • Gassosa per opera di gas che ricorrono nella pratica e si riducono in sostanza all'ingresso di Aria.

E fino qua è chiaro direte voi…

Ma quindi cosa causa la contaminazione?

  • Abrasione: particelle già presenti nel fluido, spinte ad alta velocità contro una parete solida ne raschiano le parti ed il materiale staccandosi diventa ulteriore fonte di contaminazione.
  • Erosione: le particelle già presenti nel fluido, spinte ad alta velocità contro una parete solida ne scalfiscono la superficie e incrementa il materiale contaminante.
  • Aderenza: il contatto tra due parti metalliche, per l'attrazione molecolare, indice adesione, pertanto alcune particelle si possono tra loro unire o incollarsi ad una qualsiasi superficie. Se l'impatto è forte può esserci asportazione di parti.
  • Fatica superficiale: l'impatto tra le particelle e la superficie provoca la creazione di asperità. Questo aumenta la rugosità superficiale e quindi la sensibilità alla fatica. Le forze meccaniche portano al distacco di parti dell'area affaticata.
  • Cavitazione: l'acqua all'interno del fluido vaporizza in fase di aspirazione creando in questo modo bolle di vapore. Durante il passaggio tra aspirazione e linea di pressione le bolle collassano sulle superfici metalliche provocando danneggiamenti sullesuperfici e conseguente rilascio di particelle contaminanti.
  • Corrosione: l'acqua attacca i metalli sensibili e la ruggine prodotta per ossidazione si stacca incrementando le particelle abrasive.
  • Riproduzione microbica: la presenza d'acqua favorisce una smisurata riproduzione dei pochi microorganismi presenti nel fluido minerale. Le proprietà del liquido decadono e si verificano fenomeni di intensa corrosione sui materiali.

Tutte queste contaminazioni influiscono negativamente sulla trasmissione dell'energia, sulla lubrificazione, sulla tenuta delle parti e per le proprietà tipiche del fluido.

Il nostro partner IKRON fornisce setti filtranti in grado di ridurre al minimo la contaminazione, vediamo insieme quali:

  • Rete metallica acciaio INOX: indicata per la filtrazione sulla linea di aspirazione e per quei fluidi particolarmente viscosi.
  • Cellulosa filtrante: viene utilizzata per la maggioranza dei casi sulla linea di ritorno del circuito, l'efficienza di questo filtro è pari al 50%, non può essere presa in considerazione per ottenere una filtrazione assoluta.
  • Microfibra di vetro: setto filtrante più nobile in assoluto, viene utilizzata per la maggioranza dei casi sulla linea di mandata e di ritorno del circuito; non viene mai utilizzata in aspirazione per evitare il fenomeno di cavitazione essendo un media filtrante molto prestante e di conseguenza molto chiuso.

Per identificare quali sono i filtri migliori da usare bisogna quindi tenere in considerazione la verifica della compatibilità del fluido, della pressione massima di lavoro e la determinazione delle porte.

IKRON, di cui siamo distributori ufficiali, da anni offre una vasta gamma di filtri per ogni esigenza e il team specializzato di Fluidmec sa fornirvi tutte le informazioni che cercate. 

Ma per saperne di più sulla contaminazione e la filtrazione visitate il nostro sito nella sezione Fluidmec School e non perdetevi i prossimi appuntamenti con i nostri corsi formativi. 

Consultate il calendario sul sito per rimanere aggiornati!

Vota:
0
La teoria del vuoto… con Fluidmec School
Lo sai che… risolviamo i problemi di tenuta, anche...
 

Commenti

Ancora nessun commento
Ospite
Lunedì, 21 Gennaio 2019
Wait a minute, while we are rendering the calendar