Questo sito utilizza cookie per fornirti un'esperienza migliore. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

×
 x 

Carrello vuoto
Shopping cartCarrello vuoto

BENVENUTO NEL BLOG FLUIDMEC

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità di prodotto, istruzioni per l'uso, materiali, normative e molto altro.

Tutte le cause e gli effetti della contaminazione

Tutte le cause e gli effetti della contaminazione

Torniamo a parlare di contaminazione e soprattutto ci concentreremo sulle cause e sugli effetti che questa determina all'interno di un sistema idraulico. Se prendiamo ad esempio il mondo agricolo, che si tratti di un escavatore, un trattore o di qualsiasi altro veicolo pesante, il macchinario è dotato di centinaia di metri di tubo idraulico, che oltre a trasportare fluidi contiene tantissimi agenti contaminanti, da sconfiggere prima che sia troppo tardi.

Le cause della contaminazione

Avete presente i piccolissimi granelli di polvere che intravediamo sullo schermo della televisione di casa quando dimentichiamo di spolverare? Bene. Pensate che queste particelle per voi così microscopiche non sono niente a confronto dei contaminanti, che arrivano a misurare dai 2 ai 5 micron rispetto ai 40 del vostro granello sul televisore. Incredibile è come questi minuscoli agenti, invisibili all'occhio umano, possano generare problematiche enormi, riducendo drasticamente l'efficienza dei sistemi.

Questa piccola particella può infatti essere l'inizio di usure e guasti prematuri. Ma da dove deriva? Purtroppo è lì fin dal principio. Grandi quantità di questi "minuscoli invasori" sono introdotti sin dal momento dell'installazione dei tubi all'interno della macchina idraulica. Le cose si complicano durante le fasi di taglio, crimpatura, curvatura e svasatura, ma la difficoltà sta anche nell'individuare la perdita di efficienza e di produttività, che risulta graduale nel tempo e per questo non viene subito percepita. Così da un'innocua scintilla inizia a divampare un grande fuoco.

Gli effetti della contaminazione

Cosa succede una volta che questi agenti si inseriscono nel sistema? I contaminanti non hanno bordi lisci, presentano una forma irregolare e tagliente che provoca abrasioni e graffi sulle superfici in metallo. È in questo modo che le particelle si moltiplicano e una volta che l'olio entra nel gruppo rotante della pompa, queste iniziano il loro viaggio creando danni in tanti modi diversi. Effetti comuni notati dagli operatori a causa della contaminazione sono ad esempio lo spostamento del cilindro, la guida a singhiozzo, prestazioni rallentate, funzionamento errato, maggiori interventi di manutenzione, costi operativi più elevati, minore produttività fino ad arrivare a gravi, gravissimi guasti.

Ecco perché sono così importanti i prodotti per prevenire queste problematiche e perché Fluidmec ha concluso un accordo in esclusiva per la distribuzione in Italia del prodotto ULTRACLEAN.

Che cos'è? Si tratta di uno strumento che permette la rapida pulizia delle condotte oleodinamiche contaminate grazie al passaggio ad alta velocità di un proiettile, mediante aria compressa, all'interno della tubazione rigida o flessibile. Il proiettile estrae così la contaminazione interna, rimuovendo l'olio e la parte sporca.

Scoprite di più sul nostro sito! 

Vota:
0
Taglio e crimpatura, niente paura! Come pulire le ...
I 4 step per evitare la contaminazione dopo il cri...
 

Commenti

Ancora nessun commento
Ospite
Martedì, 23 Aprile 2019
Wait a minute, while we are rendering the calendar